Questo sito utilizza cookie tecnici.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Cookie

Byod per docenti ed allievi

A cominciare dallo scorso anno è permesso a tutti i docenti, e ad allievi o gruppi di allievi di scuola Secondaria in forma sperimentale, di utilizzare la rete wifi d’istituto per attività didattica con propri smartphone e tablet o notebook (docenti), tablet e notebook (allievi). L’accesso è disciplinato tramite Server Radius, con utenti nominali sia per i docenti che per gli allievi. Inoltre per gli allievi vengono disciplinati orari e banda adsl utilizzabile, per non collassare la connessione ADSL Telecom nominalmente di 20 megabit, ma spesso con velocità reale di 3-4 megabit, e che è condivisa con la segreteria amministrativa. Sulla rete è presente un filtro web dei contenuti. I DSA che necessitano di lavorare sul notebook o tablet hanno accesso alla rete wifi e hanno a disposizione una stampante di rete dedicata (situata in Biblioteca, un locale centrale dell’edificio scolastico) per la stampa delle verifiche e dei compiti da consegnare in forma cartacea.

BYOD cos’è?

Bring Your Own Device (BYOD), in italiano “porta il tuo dispositivo”, è un’espressione che descrive quelle politiche aziendali che in tutto il mondo consentono agli impiegati di utilizzare i propri dispositivi personali in ambiente di lavoro.

Il ricorso a politiche attive per il BYOD in ambito educativo viene espressamente previsto, attraverso una specifica azione, dal Piano Nazionale Scuola Digitale (PNSD), il documento di indirizzo del Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca “per il lancio di una strategia complessiva di innovazione della scuola italiana e per un nuovo posizionamento del suo sistema educativo nell’era digitale”.

L’obiettivo è quello di “alleggerire” le classi da strumentazioni informatiche costose ed ingombranti, per promuovere una didattica digitale basata sull’integrazione dei dispositivi elettronici personali degli studenti e degli insegnanti (smartphone, tablet e PC portatili) con le dotazioni tecnologiche degli spazi scolastici. Si tratta senza dubbio di una irrinunciabile occasione che permetterà ai docenti di puntare al raggiungimento delle competenze attraverso la mediazione di linguaggi moderni e accattivanti, capaci di proporre i contenuti in chiave interattiva e multimediale, pronti a rispondere alle esigenze individuali degli alunni e in grado di incoraggiare modalità di apprendimento di tipo cooperativo.